Progetto A.C.Q.U.A.

progetto_Acqua
agrumeti_di_Sicilia

Il Progetto “A.C.Q.U.A.Agrumicoltura Consapevole della Qualità e Uso dell’Acqua” è promosso dal Distretto Agrumi di Sicilia e dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura (DICAR) dell’Università di Catania, con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation.

promotori_progetto_ACQUA

La Mission 

  • Promuovere l’uso sostenibile delle risorse idriche nella catena di produzione degli agrumi;
  • Diffondere tecniche di irrigazione e di monitoraggio innovative ed efficienti;
  • Migliorare le conoscenze e identificare i punti di forza e di debolezza sull’uso dell’acqua nella filiera agrumicola siciliana.

Le Azioni

  • Mappatura della filiera agrumicola del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia per registrare qualità e quantità dell’acqua, metodi di irrigazione in uso, consumi idrici e relativi costi, esigenze di produttori e trasformatori;
  • Mappatura della qualità dell’acqua, principalmente nella fase di produzione, per la valutazione del possibile uso di risorse idriche non convenzionali, come fertirrigazione e biostimolanti, riduzione di prodotti chimici, tecniche di desalinizzazione per l’irrigazione con acqua salmastra;
  • Sviluppo di una piattaforma WebGIS per la raccolta e la consultazione dei dati;
  • Monitoraggio ad alta risoluzione degli indicatori di stress idrico degli agrumeti con tecnologie innovative, attraverso l’uso di droni dotati di telecamere termiche e multispettrali;
  • Creazione di un campo irriguo dimostrativo sostenibile per sostenere le buone pratiche di utilizzo e riutilizzo dell’acqua nella filiera agrumicola.

Report del progetto

Il report contiene le informazioni di 114 aziende direttamente e/o indirettamente associate al Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia.  La zona in cui si sono raccolti il maggior numero di questionari è quella della provincia di Catania, dove sono stati intervistati più del 40% dei partecipanti totali, seguita della provincia di Siracusa con quasi il 30 % delle risposte. La specie più frequente è ovviamente l’arancio (61 %). Una buona parte degli appezzamenti su cui sono state fatte le interviste coltiva limoni (34 %). Mandarino e clementino occupano, insieme, poco più del 5 % del totale. Più del 70 % delle aziende produce agrumi con certificazione (DOP, IGP, GlobalGAP, GRASP). La conduzione più diffusa è quella biologica (praticata dal 42% degli agrumeti), seguita da quella convenzionale (31% circa), mentre nel restante 27% delle aziende è adottata una conduzione integrata.

Scarica il Report

Campo irriguo dimostrativo

Il campo irriguo dimostrativo realizzato nell’Azienda sperimentale Palazzelli del CREA-OFA, Consiglio per la Ricerca n Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria – Centro di ricerca Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura, ha la finalità di divulgare l’applicazione di tecniche irrigue basate sul risparmio idrico ed energetico e di valutare l’influenza dell’irrigazione sulla gestione del suolo. Si è operato su un agrumeto, suddiviso in 6 parcelle, costituito da piante di 7 anni di arancio cv Tarocco Rosso su portinnesto Citrange, esteso ha 1.90 e sesti d’impianto di m 5 X 4.

Scopri lo schema sperimentale dei campi irrigui

DocFilm

Un “viaggio” nei territori vocati all’agrumicoltura in Sicilia per raccontare criticità ed eccellenze nella gestione di un bene prezioso come l’acqua e illustrare i dati raccolti, in alcuni casi per la prima volta con una indagine organica condotta su circa 120 aziende rappresentative di tutta la filiera agrumicola.

Galleria fotografica

Rassegna stampa

Questo sito usa i cookies per fornirti un'esperienza migliore nella navigazione. Cliccando su "Accetto" acconsenti al loro uso. Se invece desideri negarne il consenso puoi consultare la nostra Privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi